MUVIT e MOO - I MUSEI DELLA FONDAZIONE LUNGAROTTI

Mostre

Mostra Duilio Cambellotti. Infiniti mondi

Dall’Archivio del XX secolo-Latina ai Musei della Fondazione Lungarotti-Torgiano

Dal 25 novembre 2023 il MUVIT Museo del Vino apre le sue porte alla mostra Duilio Cambellotti. Infiniti mondi a cura di Maria Grazia Marchetti Lungarotti e Francesco Tetro. L’esposizione si snoda attraverso 61 opere, tra scultura, arte grafica e medaglistica, realizzate dall’artista romano tra il 1898-99 e la fine degli anni Cinquanta, a testimoniare la poliedricità dell’artista artigiano. Le opere sono integrate da un gruppo di stoffe tessili del XIX-XX secolo collezionate dal Maestro, attento e aperto al fascino dell’arte tessile orientale. Tutto dialoga in perfetta armonia con le raccolte antiche, moderne e contemporanee del museo che le ospita e che, non a caso, già annovera alcune eloquenti opere di Cambellotti tra le sue collezioni. Un rimando continuo al sapere, all’osservare, al cogliere l’essenza delle cose, al comunicare: armonia e sintonia che confluiscono in un unicum tra le due anime, quella dell’artista e quella del Museo. I temi prediletti qui esposti, selezionati dai curatori della mostra e che l’artista affronta nel corso della sua ampia attività, tra la fine dell’Ottocento e i primi cinquant’anni del Novecento, spaziano dalle arti decorative ceramiche e bronzee alla grafica degli ex libris, dalla pubblicità commerciale a quella teatrale, dall’interesse per il dinamismo, dai bozzetti per il manifesto della Balilla dell’Impero alla medaglistica, dai progetti di fontane – posto d’onore occupano in questo senso la Fontana dei boccali e la Fonte della palude delle collezioni Lungarotti – al tema arboreo che riproduce anche in pittura, dal decoro di pesci e spine di grano di oggetti funzionali al pasto al tema pacifista.

Organizzata dalla Fondazione Lungarotti in collaborazione con l’Archivio del XX secolo di Latina, l’Archivio dell’Opera Duilio Cambellotti e la Galleria Russo di Roma, con il sostegno della Direzione Generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della Cultura, la mostra inaugurerà il 25 novembre e sarà visitabile dal 26 novembre 2023 al 1 marzo 2024.

La mostra si inserisce nel calendario di Torgiano Winter e inaugura la seconda edizione della manifestazione.

Duilio Cambellotti. Infiniti mondi

MUVIT Museo del Vino, Torgiano, 25 novembre 2023 – 1 marzo 2024

Vernissage sabato 25 novembre, ore 17.30

Per info e prenotazioni: 075 9880200 – prenotazionimusei@lungarotti.it

Ufficio stampa: Patrizia Cavalletti Comunicazione 348 3386855 –info@patriziacavalletticomunicazione.it

CATALOGO DI MOSTRA: Duilio Cambellotti. Infiniti mondi, a cura di Maria Grazia Marchetti Lungarotti e Francesco Tetro, Futura Libri, Perugia 2023.

Poste Alighieri

Mostra di Cartoline d’arte su Dante e La Divina Commedia dalle raccolte di Adriano Piazzoli e della Fondazione Lungarotti

 

Una originale ricostruzione dell’iconografia popolare dedicata a Dante e alla Divina Commedia attraverso le cartoline postali del collezionista perugino del Borgo d’oro, Adriano Piazzoli, e della Fondazione Lungarotti. Nell’anno di Dante, un modo insolito ma gustoso di celebrare al MUVIT il Sommo Poeta.

Curata nel suo nucleo iniziale da Cristiana Palma e Martina Barro e organizzata da Vivi il Borgo presso la Domus Pauperum di Perugia (7-21 giugno), la mostra si arricchisce per l’edizione di Torgiano della serie “Paradiso” edita da E. Sborgi (Firenze, 1917) e illustrata da V. Faini, F. Torrini, A. Alessandrelli, A. Corsi. Tra le opere in esposizione le foto-sculture di Domenico Mastroianni e la produzione dedicata a Dante di Virgilio Alterocca, l’imprenditore ternano che ha introdotto questo formato in Italia. Cartoline artistiche per una diffusione indiretta ma immediata di un patrimonio linguistico. Suscitare suggestioni, dare un volto ed un contesto ai personaggi della Commedia, affiancando ad ogni terzina la scena che la rappresenta -e perfino offrirne la traduzione in inglese con evidente attenzione al turista all’acquisto o a chi quella cartolina dovrà ricevere- sono i criteri guida che in molte delle cartoline esposte, oggi, nell’era dell’immagine e del digitale, ci fanno quasi sorridere ma testimoniano fedelmente l’epoca della loro produzione. Si tratta di esemplari del primo ‘900, alcuni dei quali in serie completa.

L’esposizione al MUVIT sarà aperta al pubblico dal 28 giugno al 29 agosto (inaugurazione domenica 27 giugno, ore 18.00, Sala Sant’Antonio, Torgiano – prenotazioni: 075 9880200 – prenotazionimusei@lungarotti.it).

La mostra è realizzata grazie al contributo della Direzione Generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della Cultura.

 

 

Poste Alighieri

Mostra di Cartoline d’arte su Dante e La Divina Commedia dalle raccolte

di Adriano Piazzoli e della Fondazione Lungarotti

MUVIT Museo del Vino Torgiano, 27 giugno – 29 agosto 2021

Inaugurazione domenica 27 giugno, ore 18 – Sala Sant’Antonio, Torgiano

Mostra “Living vessels. Dalla tradizione alla contemporaneità della brocca”.

Dal 7 al 23 aprile il Museo del Vino-MUVIT ospita la mostra “Living Vessels. Dalla tradizione alla contemporaneità della brocca”, una rassegna di ventitre opere in ceramica realizzate dagli studenti iscritti al Seminario di Viaggio “Studies in Ceramics” della Franklin University Switzerland. Durante la settimana di simposio in residenza presso La Fratta Art House di Marsciano, gestita da Elisabetta Corrao, gli studenti, sotto la guida del Maestro e Artista Luca Leandri e della Professoressa Clarice Zdanski, hanno reinterpretato con fantasia e creatività la tradizionale forma della Brocca dando vita a ceramiche uniche ed estrose, antropomorfe e/o zoomorfe. La prima tappa e punto di ispirazione per lo svolgimento dell’attività è stata la visita al Museo del Vino a Torgiano-MUVIT che in 5000 anni di storia e cultura della vite e del vino evidenzia lo stretto legame esistente tra la bevanda cara a Dioniso e l’antichissima arte della ceramica. Ed è al MUVIT che il progetto trova il suo epilogo con l’esposizione temporanea delle Living Vessels realizzate dagli studenti tra le sezioni dedicate agli antichi mestieri artigiani – dove il ceramista occupa un ruolo di rilievo – nel continuo dialogo tra passato e presente, tra tradizione e innovazione con apertura al futuro e alle giovanissime generazioni.

Mostra Andrea Tana. La ricerca del colore

L’arte moderna e contemporanea dell’artista americana Andrea Tana torna a dialogare con la storia narrata dalle oltre 3000 opere installate permanentemente al Museo del Vino a Torgiano (MUVIT).

Ventotto sono le opere scelte che danno vita a un’esposizione unica nel suo genere, in un legame fecondo tra ricerca estetica e suggestioni desunte dalle grandi epoche del passato. Oli e ceramiche accennano alla continua ricerca di colore che accompagna l’artista in un percorso di matrice americana, inglese e francese, fatto di ritratti, di interni, di nature morte e di paesaggi, di fiori e di giardini, di fronte ai quali l’osservatore non può che provare un senso di edonistica quiete.

La mostra, curata dalla Fondazione Lungarotti in collaborazione con Cantine Lungarotti e realizzata con il contributo della Direzione Generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero
della Cultura, inaugurerà venerdì 3 dicembre 2021 e rimarrà aperta fino al 23 gennaio 2022.

Mostra ANDREA TANA. LA RICERCA DEL COLORE

MUVIT Museo del Vino a Torgiano, 4 dicembre 2021-23 gennaio 2022

Vernissage venerdì 3 dicembre ore 18

SCARICA IL CATALOGO DELLA MOSTRA

Mostra La villa perfecta: premesse e parabola

Dal vino di Catone al ‘vin dolce e ardente’ di D’Annunzio

La villa, fondamentale unità produttiva nella economia agricola romana e al tempo stesso simbolo di rappresentanza e potere, con le sue trasformazioni nei secoli  diviene anche una insolita chiave di lettura della storia economica – con particolare richiamo alla vitivinicoltura –, sociale e politica dall’antichità a tempi più recenti.

La piccola ma raffinata mostra focalizza l’attenzione sulla parabola della villa perfecta, sintesi assoluta tra produzione e otium, dalle premesse alla sua evoluzione, tra cadute e riprese, evidenziandone i molteplici aspetti che, a diverse latitudini, e anche in cronologie lontane tra loro, si legano all’immancabile presenza del vino, dalla produzione al convivio.

Il percorso prende avvio con un elegante Askos in bronzo del I secolo d.C., recentemente restaurato, di immediato richiamo al livello di vita raggiunto nelle villae d’otium partenopee che la grande eruzione del 79 d.C. disperde, e propone continui richiami all’ideale della villa perfetta attraverso curiosi oggetti archeologici e prestigiose edizioni antiquarie.

Curata dalla Fondazione Lungarotti, la mostra è in realtà un approfondimento, primo di una serie, che evidenzia manufatti di particolare interesse presenti al Museo del Vino e provenienti dai depositi, evocativi di aspetti legati alla civiltà della vite e del vino. Si realizza anche grazie alla collaborazione della Biblioteca Augusta di Perugia e con il contributo della Direzione Generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della Cultura.

La mostra rimarrà aperta dal 30 luglio al 31 agosto 2022.

Mostra Bronzi e buccheri degli dei dai depositi del MANU

25 ottobre – 31 dicembre 2022
prorogata fino al 31 marzo 2023

In esclusiva dai depositi del MANU Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria una importante selezione di reperti etruschi sarà visibile al pubblico, inserita nel percorso museale del MUVIT Museo del Vino di Torgiano, dal 25 ottobre al 31 dicembre 2022. L’iniziativa si inserisce nell’ambito del macro progetto “Viticoltura e vino in Umbria: dagli Etruschi ai benedettini” che ha portato alla ricollocazione di un corredo vinario in bronzo di epoca etrusca, in seguito a rilevanti interventi di restauro conservativo, e alla realizzazione di una nuova sezione museale. L’allestimento focalizza sul simposio, il messaggio culturale che con le sue regole e rituali, i suoi corredi e attività ludiche, segna la storia del vino nei secoli.

Dai depositi del MANU giungeranno in prestito al MUVIT reperti di rilievo: tra questi, una Hydria in bucchero rosso con fregio di cavalli alati e figure ornitomorfe (secondo-terzo quarto del VI secolo a.C.) e, di eccezionale importanza archeologica, un Kottabos del IV secolo a.C. esposto al pubblico in rare occasioni, come ad esempio la mostra Gli Etruschi di Perugia al Castello di Bratislava nel 2014. L’iniziativa è realizzata grazie al contributo della Direzione Generale Educazione, ricerca e istituti culturali del
Ministero della Cultura.

Il prestito si situa in una intesa sinergica tra pubblico e privato – MANU-MUVIT – strategia auspicata al fine di dare maggior forza ad una rete museale che promuova le ricchezze del nostro territorio

 

TraMusei identifica appunto una rete di collaborazione e sinergie tra i Musei della Fondazione Lungarotti – MUVIT e MOO – e altre strutture museali, in questo caso il MANU, tra i Musei più importanti dell’Umbria, finalizzata ad attività di promozione e valorizzazione reciproche quali incontri di cultura, mostre, prestiti o scambi temporanei di opere, condivisione di eventi e manifestazioni.

Bronzi e buccheri degli dei

dai depositi del MANU

25 ottobre – 31 dicembre 2022

prorogata fino al 31 marzo 2023